Venerdì 25 Giugno 2021 · Ore 18.00

XI Edizione

Organizzazione

Associazione Futile Utile

Luogo

Santacroce Meeting

Presenta

Gabriele Cirilli

Curatori

Ennio e Pierpaolo Bellucci

XI Edizione

Nel 2021 il Premio giunge al suo decennale in un momento complicato, segnato e condizionato dal covid-19. L’Associazione Futile Utile non si ferma e propone una XI Edizione ricca di ospiti e di personaggi di grande rilievo in campo nazionale. Non mancano i riconoscimenti a personalità, aziende e associazioni del territorio peligno, che si sono distinte negli ultimi anni nella loro attività. L’intento è quello di dare un piccolo ma significativo contributo, sperando in una ripartenza il più possibile vicina.  A presentare e movimentare la cerimonia di premiazione con la sua verve comica, sarà Gabriele Cirilli, attore tra i più conosciuti e seguiti in Italia. Per la Sezione Giornalismo d’Inchiesta a ricevere il premio è l’autore e conduttore del programma tv, Report (Rai 3), Sigfrido Ranucci. Da anni si occupa dei casi più delicati della recente storia del nostro Paese, come il traffico illecito di rifiuti e la mafia. Tra i riconoscimenti ricevuti: Premio “Ilaria Alpi”; Premio Internazionale di Giornalismo “Maria Grazia Cutuli”; Premio “Giuseppe Fava”; Premio “Giorgio La Pira”. A Donatella Di Pietrantonio va il premio per la Sezione Letteratura. La scrittrice abruzzese con il romanzo L’Arminuta (Einaudi 2017) tradotto in più di 25 paesi, ha ottenuto tra gli altri il Premio Campiello, il Premio Napoli e il Premio Alassio. Grazie all’opera Bella Mia ha ricevuto anche il Premio Brancati. Il suo ultimo romanzo è Borgo Sud (Einaudi 2020). Enzo Romeo, caporedattore e vaticanista del Tg2, ottiene il riconoscimento per la Sezione Giornalismo Televisivo. Si è occupato dei principali avvenimenti internazionali degli ultimi anni e dei pontificati di Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco. A Vanessa Gravina, attrice di cinema, teatro, tv, tra le più apprezzate del panorama italiano, viene attribuito il premio per la Sezione Spettacolo. Alla cantautrice pop-jazz Simona Molinari viene assegnato il premio per la Sezione Musica. Negli anni ha collaborato e duettato con artisti di fama mondiale tra i quali Al Jarreau, Gilberto Gil, Peter Cincotti, Andrea Bocelli, Lelio Luttazzi, Massimo Ranieri, Fabrizio Bosso, Danny Diaz. Ha ricevutro importanti riconoscimenti in ambito nazionale e partecipato a più edizioni del Festival di Sanremo, esibendosi sia in gara che come ospite. La Sezione Pace e Solidarietà vede premiato Hafez Haidar. Poeta, saggista, scrittore di origine libanese. Dopo la carriera diplomatica si è dedicato all’insegnamento e alla scrittura, impegnandosi in un’intensa attività tesa a costruire collaborazioni tra popoli e culture, creando occasioni di conoscenza e di dialogo tra Cristianesimo e Islam. Docente di Lingua e Letteratura araba presso l’Università degli Studi di Pavia. Per la sua attività culturale, mirata a favorire il dialogo interreligioso, è stato Candidato al Premio Nobel per la Pace negli anni 2016 e 2017 e poi nel 2018 Candidato al Premio Nobel per la Letteratura. A Piero Mazzocchetti, cantante, tenore, artista eclettico che spazia dal genere pop a quello lirico, viene attribuito il premio per la Sezione Musica. Riconosciuto in campo europeo come uno dei principali interpreti del genere crossover, si è esibito con i grandi della musica, come il tenore Josè Carreras. Numerose sono le sue performance in campo internazionale, tra cui la cerimonia di chiusura dei Special Olympics World Games al Jiang Wan Stadium di Shanghai o la partecipazione al Carreras Gala di Berlino. In ambito nazionale vanno ricordati gli spettacoli nei più importanti teatri italiani. Nel 2007 partecipa al Festival di Sanremo, classificandosi terzo nella categoria “Big”. Claudio Del Signore, regista del programma tv, Report (Rai 3), viene premiato per la Sezione Televisione e Regia Televisiva. Ha un’esperienza trentennale nel settore. Ha scritto, come autore-regista, numerosi Format-Tv. Tra i tanti programmi Rai da lui realizzati: Report, Un Giorno in Pretura, #Maestri, Il posto Giusto. Per la sezione Giornalismo Televisivo il riconoscimento va ad Adriano Monti Buzzetti Colella, giornalista Rai, scrittore, saggista. È attualmente Vice Caporedattore della Redazione Cultura del Tg2. Conduce la rubrica Tg2 Weekend. Scrive su Focus Storia, Focus, Meridiani ed altri periodici. Ha lavorato presso i media della Città del Vaticano e condotto rotocalchi, settimanali e Tg a RAI Parlamento. Ad Amedeo Pomilio, campione olimpico di pallanuoto e allenatore, viene assegnato il premio per la Sezione Sport. È uno dei pallanuotisti più titolati di sempre. Con il Settebello, tra il 1992 e il 1995, ha conquistato il Grande Slam (Olimpiadi, Mondiale ed Europei). Ha partecipato a sei edizioni dei Giochi Olimpici, tre da giocatore e tre da allenatore. Da giocatore tra i numerosi titoli conquistati vanno ricordati: l’Oro ai Giochi Olimpici di Barcellona 1992; il Bronzo alle Olimpiadi di Atlanta 1996. Per la Sezione Giornalismo – Carta Stampata ad essere premiato è il caposervizio della Cronaca dell’Aquila per il quotidiano Il Messaggero, Angelo De Nicola. Tra le sue numerose pubblicazioni e romanzi: Il nostro terremoto (2009, One Group Edizioni) sul sisma aquilano del 6 aprile 2009; La maschera di Celestino (2005, Edizioni Textus). Un ulteriore riconoscimento per la sezione Sezione Giornalismo – Carta Stampata va a Domenico Ranieri. Una delle firme storiche de Il Centro. Ha iniziato a scrivere per il giornale nel 1989, rimanendo sempre legato al quotidiano e lavorando in tutte le redazioni abruzzesi dello stesso. Dal 2018 è alla sede centrale di Pescara. Qui scrive e coordina il lavoro delle varie redazioni del quotidiano d’Abruzzo. La Caritas della Diocesi Sulmona-Valva riceve il premio per la Sezione Solidarietà. L’Ente da sempre impegnato in attività di aiuto alle comunità bisognose, in questo difficilissimo momento contraddistinto dal virus, ha confermato ulteriormente la vicinanza alla popolazione della diocesi, con numerose iniziative come: beni alimentari e buoni spesa per le famiglie in difficoltà, volontari in soccorso di anziani isolati e famiglie, pasti caldi consegnati a domicilio, sportelli di aiuto e sostegno, materiale sanitario per ospedali e case di riposo. All’azienda Apicoltura Colle Salera viene attribuito il premio per la Sezione Economia e Lavoro. Produttori di Mieli Biologici Monoflora di pregiata qualità, conosciuti in ambito internazionale e più volte premiati in concorsi di settore in Italia e all’estero. L’apicoltura Colle Salera nel 2019 ha festeggiato 20 anni ed è entrata a far parte della Comunità Slow Food degli Apicoltori Nomadi di Tornareccio e del Presidio Slow Food dell’Appennino Aquilano. Un meritato riconoscimento va anche alla Onlus Pink Pratola per la Sezione Solidarietà. L’associazione di volontariato, tutta al femminile, promuove molteplici iniziative mirate alla prevenzione del cancro al seno e all’aiuto delle donne che affrontano con coraggio la loro malattia. La Onlus è diventata un punto di riferimento in Valle Peligna e non solo.

Premiati

sezione giornalismo d’inchiesta

In Rai dal 1990, è stato prima inviato per le rubriche del Tg3, poi per RaiNews 24, dove ha realizzato numerose inchieste sul traffico illecito di rifiuti e sulla mafia. Nel settembre del 2001, come inviato, ha seguito a New York l’attentato alle Torri, poi nel 2004 a Sumatra lo Tsunami. È stato anche inviato nei contesti di guerra dei Balcani e in Medio Oriente, dove ha realizzato inchieste sulla violazione dei diritti umani e l’utilizzo di armi non convenzionali. Nel 2005 ha denunciato per primo l’uso del fosforo bianco in Iraq da parte degli Usa. Nel 2006 è entrato nella squadra di Report (Rai 3) come coautore di Milena Gabanelli. Da dicembre del 2016 è autore e conduttore del programma. Tra i premi ricevuti: Premio “Ilaria Alpi” – 2005 e 2006; Premio Internazionale di Giornalismo “Maria Grazia Cutuli” – 2006; Premio “Giuseppe Fava” – 2010; Premio “Giorgio La Pira” – 2018.

sezione letteratura 

Scrittrice. Con il romanzo L’Arminuta (Einaudi 2017) tradotto in piú di 25 paesi, ha vinto numerosi premi, tra cui il Premio Campiello, il Premio Napoli e il Premio Alassio. Per Einaudi ha pubblicato anche Bella mia, con cui ha partecipato al Premio Strega 2014 e ha vinto il Premio Brancati e poi nel 2020 Borgo Sud. Vive a Penne, in Abruzzo, dove esercita la professione di dentista pediatrico.

sezione spettacolo

Una delle attrici più apprezzate nel panorama italiano. La sua carriera inizia quando è ancora molto piccola. A sei mesi è diretta dai fratelli Taviani in un «Carosello» tv. Poi è di nuovo nelle nostre case quando ha da poco compiuto 7 anni e posa per diverse campagne pubblicitarie e prende parte alla trasmissione radiofonica Torno subito. Negli stessi anni esordisce come attrice per Marco Risi in Colpo di fulmine (1985). Seguono, tra gli altri: Maramao (1987), opera prima di Giovanni Veronesi; 32 dicembre (1988), diretto da Luciano De Crescenzo; Due fratelli (1988), per la regia di Alberto Lattuada. Nel 1988 partecipa alla miniserie tv Don Tonino. Sempre in televisione partecipa a La Piovra 4 (1989) e La Piovra 5 (1990). A diciassette anni Giorgio Strehler la dirige in La donna del mare. Sono anni molto intensi, nei quali alterna televisione (Incantesimo e Gente di mare), cinema, teatro e campagne di moda. Proprio in questo campo, negli anni, ha lavorato per fotografi quali Fabrizio Ferri, Richard Avedon, Gilles Tapie, Angelo Frontoni e Oliviero Toscani. Nel 1993 è interprete del film Abbronzatissimi 2 – Un anno dopo. Nel 1994 è protagonista del noir, La ragazza di Cortina e del film Dietro la pianura, in cui recita accanto a Claudio Bisio e Remo Girone. Nel 1998 affianca Enzo Iacchetti e Pier Maria Cecchini nel film per la tv Come quando fuori piove. L’anno seguente recita accanto a Carlo Cecchi e Giancarlo Giannini nel film Milonga. Nel 2001 è protagonista della quarta stagione della celebre serie tv Incantesimo, diretta da Alessandro Cane e Leandro Castellani, dove interpreta la dottoressa Paola Duprè, ruolo che le ha portato non solo un grande successo di pubblico, ma anche due premi: la Grolla d’oro come miglior attrice televisiva e il premio televisivo al Festival di Salerno. Dopo Incantesimo entra nel cast di CentoVetrine, su Canale 5, dove interpreta il ruolo dell’avvocato Claudia Corelli. Nel 2005 interpreta un altro ruolo di grande rilievo, quello del magistrato Simona Federici nella terza stagione della mini serie Sospetti, diretta da Luigi Perelli e trasmessa su Rai Uno, con Sebastiano Somma. Successivamente è Margherita Scanò nella serie di successo, Gente di mare. Nel 2014 torna su Rai Uno nei panni del magistrato Lucia Cimeca nella fiction Madre aiutami, al fianco, fra gli altri, di Virna Lisi. Nel 2017 fa parte del cast della serie di Canale 5, Il bello delle donne… alcuni anni dopo. Il teatro rimane il campo preferito di Vanessa Gravina. Negli ultimi anni è protagonista ne La signorina Giulia di August Strindberg, sotto la regia di Armando Pugliese; Vestire gli ignudi di Pirandello, regia di Walter Manfrè; La bisbetica domata di William Shakespeare, regia ancora di Pugliese. Dal 2013 è la protagonista di A piedi nudi nel parco di Neil Simon. Nel 2015 interpreta il ruolo di Anaïs Nin in Diario di sé di Luca Cedrola, presentato in anteprima nazionale al Napoli Teatro Festival Italia. Nella stagione 2015/2016 è interprete di Nina di André Roussin, per la regia di Pino Strabioli e Patrick Rossi Gastaldi. Nel 2018 torna a teatro come protagonista dello spettacolo Il piacere dell’onestà di Luigi Pirandello, per la regia di Liliana Cavani. Dall’autunno dello stesso anno è in televisione come interprete del fortunato personaggio di Adelaide di Sant’Erasmo, nelle serie di Rai Uno, Il Paradiso delle Signore, giunta nel 2021, grazie al grande successo, alla sua quinta stagione.

sezione giornalismo televisivo

È caporedattore e vaticanista del Tg2. Ha iniziato la sua attività giornalistica in Calabria, prima di essere chiamato nel 1988 al Tg1, dove ha lavorato come vicecaporedattore in vari settori, tra cui l’informazione religiosa. È stato quindi caporedattore a Rai International, quindi vaticanista e inviato per gli esteri al Tg2, dove dal 2002 al 2014 ha ricoperto l’incarico di responsabile della Redazione Esteri, seguendo contemporaneamente l’attività della Santa Sede. Si è occupato dei principali avvenimenti internazionali degli ultimi anni e dei pontificati di Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco. Scrive sul settimanale Credere e sul mensile Jesus. Fa parte del comitato editoriale dell’Editrice AVE e del comitato di direzione della rivista dell’Azione Cattolica Dialoghi. È autore di numerosi saggi tradotti in diverse lingue, sia a carattere letterario (Pavese, Saint-Exupéry, Anna Frank ed Etty Hillesum), sia su temi internazionali ed ecclesiali, tra cui si ricordano I solitari di Dio (Rubbettino-ERI, Soveria Mannelli – 2005), libro-dvd con il reportage esclusivo sulla clausura dei monaci certosini, Come funziona il Vaticano (Àncora, Milano – 2008), Francesco e le donne (Paoline, Milano – 2016), sul ruolo femminile nella Chiesa nel pontificato di papa Bergoglio, Lui, Dio e lei – Il problema del celibato nella Chiesa (Rubbettino, Soveria Mannelli – 2018), Salvare l’Europa – Il segreto delle dodici stelle (AVE, Roma – 2019). Tra le ultime pubblicazioni Le Tabelline di Dio – Piccole lezioni di matematica evangelica (Àncora, Milano -2020).

sezione musica 

Cantautrice pop-jazz, negli anni collabora e duetta con artisti di fama mondiale tra i quali Al Jarreau, Gilberto Gil, Peter Cincotti, Andrea Bocelli, Ornella Vanoni, Lelio Luttazzi, Renzo Arbore, Massimo Ranieri, Fabrizio Bosso, Franco Cerri, Stefano Di Battista, Dado Moroni, Roberto Gatto, Roy Paci e Danny Diaz. Ha portato i suoi spettacoli nei teatri e nei jazz club più importanti d’Italia e del mondo come il Blue Note di New York, Teatro Estrada di Mosca, Blue Note di Tokyo, Grappa’s Cellar di Hong Kong, Brown Sugar di Shanghai, ed ancora altri club e teatri a Pechino, Macao, Toronto, Montreal. In Italia è maggiormente nota al pubblico per le due partecipazioni al Festival di Sanremo: la prima del 2009 nella categoria Giovani con il brano “Egocentrica”; la seconda del 2013 nella categoria Campioni in coppia con il jazzista newyorkese Peter Cincotti con il brano “La Felicità” che raggiunge il Disco d’Oro. Oltre alle apparizioni sanremesi ricordiamo anche le partecipazioni all’Umbria Jazz, al Wind Music Award, e i riconoscimenti ricevuti come il Premio Lunezia Jazz d’Autore, Premio Mogol, Premio Carosone, Premio Musicultura e il Premio Tenco 2013. Nel 2014 partecipa nuovamente al Festival di Sanremo duettando con Renzo Rubino, nella serata dedicata agli ospiti, con il brano “Non Arrossire” di Giorgio Gaber. Nello stesso anno interpretata Maria Maddalena nel musical Jesus Christ Superstar accanto a Ted Neeley, ai Negrita e Shel Shapiro, con oltre 50 repliche al Teatro Sistina di Roma. Inoltre partecipa come ospite fisso all’interno di “Sogno e son Desto”, lo show televisivo di Massimo Ranieri in onda in prima serata su Rai 1. A gennaio 2016 viene scelta, con il brano “La Felicità”, da Fabio De Luigi per il nuovo film “Tiramisù”. Nell’autunno-inverno 2018/2019 presenzia come ospite fisso alla prima edizione di #CR4 La repubblica delle donne” di Piero Chiambretti. Nel marzo 2019 debutta come attrice co-protagonista nel film di Walter Veltroni “C’è Tempo”, firmando anche come autrice alcuni brani della pellicola. Nel 2020 ottiene il premio “Eccellenze Italiane” e partecipa a Sanremo nella serata degli ospiti, duettando sulle note di “E se domani” accanto al pianista e cantautore Raphael Gualazzi. Nella stessa estate porta in tour uno spettacolo scritto di suo pugno chiamato “Sbalzi d’Amore”. A febbraio 2021 firma un nuovo contratto discografico con BMG. Pubblica sulle piattaforme digitali due nuove versioni di “Egocentrica”. Il primo passo verso un nuovo percorso musicale che Simona non vede l’ora di condividere con tutti i suoi fan.

sezione pace e solidarietà 

Scrittore e poeta di origine libanese. All’Università di Beirut ha studiato filosofia greca ed araba. Trasferitosi in Italia si è laureato all’Università Statale di Milano in Lettere Moderne e specializzato in Archivistica, Paleografia e Diplomatica. Nel 1986 ha abbandonato la carriera diplomatica, dedicandosi all’insegnamento e alla scrittura, impegnandosi in un’intensa attività tesa a costruire collaborazioni tra popoli e culture, creando occasioni di conoscenza e di dialogo tra Cristianesimo e Islam. Attualmente insegna Lingua e Letteratura araba presso l’Università degli Studi di Pavia. Rilevante l’attività editoriale come romanziere, poeta, saggista e traduttore. Ha pubblicato per Mondadori, Piemme, Rizzoli, Bompiani, Fabbri, Tea, Guanda, Mondolibri ed altri editori.  Per la sua attività culturale mirata a favorire in campo internazionale il dialogo interreligioso e la convivenza pacifica tra popoli di culture diverse è stato Candidato al Premio Nobel per la Pace negli anni 2016 e 2017. Nel 2018 è Candidato al Premio Nobel per la Letteratura. Considerato uno dei maggiori studiosi delle religioni monoteistiche a livello mondiale, è anche il massimo studioso di Khalil Gibran, per le cui opere – e per quelle di altri autori arabi – è stato traduttore e curatore delle edizioni in lingua italiana. La sua traduzione di Le mille e una notte, per la collana Oscar Mondadori, è diventato un best seller, per molto tempo nelle prime posizioni della graduatoria delle vendite. Ha curato e tradotto numerose opere, tra le quali: Le ali spezzate (Rizzoli), Le ninfe della valle (Tea, Guanda Editore), Le fiabe arabe (Rusconi, Bompiani), Quartine del grande poeta Omar Khayyàm (Rizzoli, Fabbri editori), La città del mistero (Mondadori), Il figlio dei cedri (Mondadori), Quando l’amore chiama seguilo (Piemme), La notte ti parlerò d’amore (Piemme, Mondadori), Donne che urlano senza essere ascoltate (Imprimatur), Come fiori nella polvere (Piemme). Ha inoltre tradotto in arabo i libri di Oriana Fallaci. Autore di diverse opere di narrativa, poesia e saggistica, come: La letteratura araba. Dalle origini all’età degli Abbasidi (Rizzoli, 1995), Dove nasce l’amore: 100 racconti per arrivare al cuore Piemme, 2001), Il custode del Corano (Piemme, 2006), Come sigillo sul tuo cuore. Le storie d’amore nella Bibbia e nel Corano (Piemme, 2006), Le donne che amavano Maometto (Piemme, 2007), Il viaggio notturno del Profeta (Piemme, 2008), Miriam a Gerusalemme (La Meridiana, 2010), Le mille e una notte (Helicon, 2014), Il razzismo spiegato ai giovani (Diarkos, 2020). Insignito di numerosi e prestigiosi riconoscimenti, tra gli altri gli sono stati tributati il Premio accademico Cesare Angelini Speciale dell’Università di Pavia, il Premio della Cultura e Narrativa dall’Unione degli scrittori della Lombardia, il Premio al Dialogo – Tre volte Dio dalla Regione Puglia, il Premio Letterario Basilicata per la Letteratura spirituale e Poesia religiosa. Componente di prestigiose istituzioni culturali, in Italia e all’estero, è inoltre direttore generale della Camerata dei Poeti di Firenze. Nel 2014 è stato nominato Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana.

sezione sport

E’ uno dei pallanuotisti italiani più titolati di sempre. Da giocatore ha collezionato 416 presenze con la Nazionale Italiana di Pallanuoto, tra il 1987 e il 2000. Sotto la guida di Ratko Rudic ha conquistato con il Settebello, tra il 1992 e il 1995, il Grande Slam (Olimpiadi, Mondiale ed Europei). Ha partecipato a sei edizioni dei Giochi Olimpici, tre da giocatore e tre da allenatore. Da giocatore ha vinto l’Oro ai Giochi Olimpici di Barcellona 1992; il Bronzo alle Olimpiadi di Atlanta 1996; l’Oro ai Mondiali di Roma 1994; l’Oro ai Campionati Europei di Sheffield 1993 e Vienna 1995; l’Oro ai Giochi del Mediterraneo di Atene 1991 e di Canet 1993; l’Oro Coppa Fina di Atene 1993; il Bronzo ai Campionati Europei di Bonn 1989. L’Argento alla Coppa Fina di Berlino 1989; L’Argento alla World League di Atlanta 1995. Dal 2007 è viceallenatore del Settebello e ha preso parte con la Nazionale a tre edizioni dei Giochi Olimpici (Pechino 2008, Londra 2012, Rio 2016). Nella stagione 2015/2016 è stato allenatore della Pro Recco. Da allenatore ha conquistato l’Oro ai Campionati del Mondo di Shanghai 2011; l’Oro ai Campionati del Mondo Under 18 Perth 2012; l’Oro ai Campionati del Mondo di Gwangju (Corea del Sud) 2019; l’Argento ai Giochi Olimpici di Londra 2012; L’Argento ai Campionati Europei di Zagabria 2010; L’Argento alla World League di Firenze 2011; il Bronzo ai Giochi Olimpici di Rio 2016; il Bronzo ai Campionati Europei di Budapest 2014; il Bronzo alla World League di Almaty 2012; il Bronzo ai Giochi del Mediterraneo di Pescara 2009. Nel 1985 conquista con la Sisley Pescara la Coppa Italia, l’anno seguente un’altra Coppa Italia e una Coppa delle Coppe. Nel 1987 centra il Triplete (Scudetto, Coppa dei Campioni e Supercoppa Europea). Tra il 1987 e il 1993 vince due Coppe Italia, una Coppa delle Coppe e due Supercoppe Europee. Tra il 1996 e il 1998 conquista una Coppa LEN, due Scudetti e una Coppa Italia.  Nel ruolo di allenatore, alla guida della Pro Recco Waterpolo 1913 vince, nella stagione 2015/2016, il titolo di Campione d’Italia, la Coppa Italia e la Super Coppa Europea.

sezione musica 

Cantante, tenore, artista crossover eclettico che spazia dal genere pop a quello lirico. Già all’età di sette anni si avvicina allo studio del pianoforte al Conservatorio “Luisa D’Annunzio” di Pescara, sua città natale. All’età di tredici inizia a studiare canto lirico e successivamente intraprende l’attività di piano-bar. Terminati gli studi, nel dicembre del 1998 accetta un contratto per esibirsi a Monaco di Baviera. Qui conosce famosi calciatori come Karl-Heinz Rummenigge, Mario Basler e Franz Beckenbauer, che iniziano a sponsorizzarlo. Il Dirigente sportivo Roger Wittmann, appassionato di canzoni italiane, decide di scritturarlo diventando anche il suo primo manager. In poco tempo Mazzocchetti diventa un idolo e registra il suo primo album in Germania, intitolato “L’Eternità”, che qualche mese dopo diventa “Disco d’Oro” incoronando l’artista come nuova rivelazione nel panorama europeo. Seguono gli album, “Parole Nuove” e “Amore Mio”, rilevanti esibizioni negli stadi tedeschi e la partecipazione al Carreras Gala, trasmissione annuale a scopo benefico di ARD condotta dal celebre tenore Josè Carreras, con cui Mazzocchetti ha duettato varie volte. La performance del 2007 al Festival di Sanremo, dove si classifica terzo nella categoria dei “Big“, con la canzone Schiavo d’Amore. Nell’ottobre dello stesso anno partecipa alla cerimonia di chiusura degli Special Olympics World Games al Jiang Wan Stadium di Shanghai, e nel novembre 2008 esce il suo secondo album in Italia, Tribute to Luciano Pavarotti. L’intera opera spazia da Donizetti a Giuseppe Verdi, da Giacomo Puccini a Ruggero Leoncavallo, con l’accompagnamento dell’Orchestra dell’Opera del Teatro Regio di Parma, diretta dal suo insegnante Leone Magiera, storico maestro di Luciano Pavarotti. Oltre alle innumerevoli partecipazioni ai programmi Rai e Mediaset, nel 2009 viene invitato a interpretare l’inno dei XVI Giochi del Mediterraneo di Pescara, scritto da Franco Migliacci e composto dal premio Oscar, Luis Enriquez. Nel 2010 registra il sold-out nel prestigioso teatro canadese Rama di Toronto, con un repertorio pop e lirico che lo consacra artista crossover. Nel 2010 fonda, a San Giovanni Teatino in Abruzzo, la Crossover Academy. Progetto per la scoperta di nuovi talenti. Nel 2011 viene scelto dal maestro Tony Verde come interprete del saggio Igar, nel musical inedito “L’Arca di Giada”, registrando il tutto esaurito nei teatri di Roma, Napoli, Milano, Torino e Pescara. Con il Parlami d’Amore Mariù Tour si esibisce nei teatri di Pompei, Salerno, Avellino e Teano, tra dicembre 2012 e gennaio 2013. Nel maggio 2013 esce l’album Parlami d’amore Mariù, con brani che ripercorrono ottanta anni di musica italiana e internazionale, a cui segue nel 2014 Parlami d’amore Mariù 2 live, che celebra i 15 anni di carriera. È testimonial Unicef per l’Abruzzo nel periodo 2013/15. Nel 2017 pubblica il singolo Un attimo lunghissimo, il cui video è realizzato dal regista Marco D’Andragora, donato all’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada, per sensibilizzare i giovani a una maggiore attenzione alla guida. Nello stesso anno partecipa al programma di Rai 1 “Tale e quale show” riscuotendo un enorme successo. Nel 2018 avvia la tournée Amara terra mia nei teatri italiani, in Germania e in Canada. Nel 2019 è in tour in Italia con il concerto That’s amore. Su iniziativa del Comune di Rieti a giugno 2020 si esibisce in diretta streaming, a causa delle restrizioni imposte dal Covid-19, presso la Basilica di Sant’Agostino, in occasione delle celebrazioni del Giugno Antoniano.

sezione televisione – regia televisiva

Regista storico per il programma televisivo di giornalismo d’inchiesta, Report (Rai 3). Ha un’esperienza trentennale in questo settore. Ha scritto, come autore-regista, numerosi Format-Tv. Come regista tra i tanti programmi realizzati vanno ricordati: Report, Un Giorno in Pretura, #Maestri, Il posto Giusto. Per la RAI, sempre in qualità di regista, ha realizzato il programma I grandi della Letteratura Italiana, in collaborazione con il Corriere della sera. È anche autore di videoclip musicali, spot, video di arte elettronica, documentari, film d’inchiesta e cortometraggi (tra i tanti: Drag King, il Sogno di Julia). Sue opere pittoriche compongono alcune delle scenografie nei programmi Rai. Collabora in qualità di docente, per la grammatica del video ed il linguaggio filmico del web, in diverse Università, Accademie del settore e scuole italiane.

sezione giornalismo televisivo 

Scrittore e saggista, giornalista professionista in forza alla RAI. Dopo un decennio di lavoro presso i media della Città del Vaticano, in seguito ha condotto rotocalchi, settimanali e Tg a RAI Parlamento, testata politico-parlamentare del servizio pubblico radiotelevisivo. È attualmente Vice Caporedattore della Redazione Cultura del TG2. Conduce la rubrica TG2 Weekend e ha firmato alcuni TG2 Dossier a tema storico. Scrive di arte, militaria, storia della Chiesa e del costume su Focus Storia, Focus, Meridiani ed altri periodici. È nel Comitato di redazione della Rivista del Collegio Araldico e scrive per il cahier letterario Antarès (Bietti). Appassionato cultore di letteratura fantastica, dirige con Gianfranco de Turris la rivista Dimensione Cosmica (Solfanelli), collabora con Studi Lovecraftiani (Dagon Press) ed altre pubblicazioni del settore. Sul fronte narrativo, i suoi racconti sono stati pubblicati, tra gli altri, dagli editori Bietti e Bompiani. Appassionato di disegno e pittura, ha esposto più volte nella collettiva dei “Pittori Peligni” ed illustrato copertine di libri e dischi, riviste, locandine, calendari. È nato a Roma nel 1968, ma il suo concetto di “casa” si identifica sempre con l’Abruzzo, terra dei suoi avi materni.

sezione giornalismo – carta stampata

Giornalista professionista dal 1991, dal 1996 è caposervizio della Cronaca dell’Aquila per il quotidiano Il Messaggero. E’ autore dei saggi: Presunto Innocente, cronaca del caso Perruzza (2003, Edizioni Tracce); Da Tragnone a Fidel Castro, gli eventi che sconvolsero L’Aquila (2004, Edizioni Textus); La centesima rocca (1998, edito dalla Bnl dell’Aquila). Ha pubblicato il diario Il nostro terremoto (2009, One Group Edizioni) sul sisma aquilano del 6 aprile 2009. Sulla figura di Papa Celestino V e sulla Perdonanza Celestiniana ha pubblicato i romanzi La maschera di Celestino (2005, Edizioni Textus) e La missione di Celestino (2006, Edizioni La Nuova Editrice) e i saggi Il Mito di Celestino (2010, One Group Edizioni) e Trent’anni di Perdonanza (2014, One Group Edizioni). Ha pubblicato inoltre il saggio dal titolo Don Attilio Cecchini – Il giornalista di razza, il principe del foro, l’impolitico (2018, One Group Edizioni). Il suo ultimo libro, l’undicesimo, è un saggio dal titolo Passione & futuro (2019, One Group Edizioni) sul cinquantennale della Facoltà di Ingegneria dell’Università dell’Aquila.

sezione giornalismo – carta stampata

Ha cominciato a scrivere per il quotidiano Il Centro nel 1989 esaudendo il suo desiderio di bambino: diventare un giornalista. Dopo la laurea in giurisprudenza, conseguita all’Università La Sapienza di Roma, anziché frequentare le aule del tribunale ha scelto la caotica ma appassionante vita di redazione. Una scelta professionale che lo ha visto approdare, nel 2018, dopo un lungo girovagare nelle redazioni di tutto l’Abruzzo, all’ufficio centrale del quotidiano, a Pescara. Qui scrive e coordina il lavoro delle varie redazioni del principale quotidiano abruzzese, a stretto contatto con il direttore Piero Anchino. L’entusiasmo per la sua professione di giornalista si esprime anche nelle iniziative che, negli anni, ha seguito: lezioni di giornalismo nelle scuole superiori, docenze per master di giornalismo post-laurea e l’organizzazione di diversi eventi culturali. Anche se il primo amore resta sempre la carta stampata, non disdegna, quando capita, incursioni nel piccolo schermo, per promuovere le iniziative del quotidiano Il Centro.

sezione solidarietà 

Ente da sempre impegnato in attività di aiuto alle comunità bisognose, in questo difficilissimo momento contraddistinto dal virus, ha confermato ulteriormente la vicinanza alla popolazione della diocesi, con numerose iniziative come: beni alimentari e buoni spesa per le famiglie in difficoltà, volontari in soccorso di anziani isolati e famiglie, pasti caldi consegnati a domicilio, sportelli di aiuto e sostegno, materiale sanitario per ospedali e case di riposo.

sezione economia – lavoro

Apicoltura Colle Salera è un’azienda a conduzione familiare che produce Mieli Biologici Monoflora di pregiata qualità, conosciuti in ambito internazionale e più volte premiati in concorsi di settore in Italia e all’estero. È situata nella Valle Peligna all’interno del Parco Nazionale della Majella in Abruzzo, in un contesto ecologico, in cui le già note qualità del miele e l’arte ingegnosa delle api vengono squisitamente amalgamate dalla purezza della natura. I prodotti dell’azienda sono realizzati con il metodo biologico e ottenuti attraverso un’apicoltura di tipo nomade: ad ogni fioritura gli alveari vengono trasportati, come un tempo, in meravigliose e selezionate aree dell’Appennino Abruzzese, definito il polmone verde d’Europa e nelle Riserve Naturali italiane. A garantire la qualità dell’intera produzione biologica sono i processi produttivi e le tecniche di conduzione degli apiari certificati da ICEA (Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale). L’apicoltura Colle Salera nel 2019 ha festeggiato 20 anni di produzione di miele biologico certificato. Nel settembre dello stesso anno è entrata a far parte della Comunità Slow Food degli Apicoltori Nomadi di Tornareccio e da novembre del Presidio Slow Food dell’Appennino Aquilano. Ha ricevuto diversi riconoscimenti tra i quali: medaglia d’oro e medaglia d’argento alle London Inernational Honey Competitions; diversi premi al Concorso dei migliori mieli di produzione Nazionale “Premio Giulio Piana”; Classificato al Concorso Nazionale – “Premio Roberto Franci” di  Montalcino.

sezione solidarietà

Pink Pratola Onlus è un’associazione di volontariato, tutta al femminile, che promuove molteplici iniziative mirate alla prevenzione del cancro al seno e all’aiuto delle donne che affrontano con coraggio la loro malattia. La Onlus è diventata un punto di riferimento in Valle Peligna e non solo. “La Pink Pratola – racconta la presidente Rachele D’Andrea – è nata all’indomani della fine delle mie cure. Di quelle più forti, intendo. Ero a Roma e partecipavo alla 5 km della Race for the Cure. Mi guardavo intorno estasiata: c’era una grande folla per una grande causa. La lotta ai tumori del seno. È stato un attimo. Ho guardato la mia amica Francesca e le ho chiesto, per avere conferma che non fossi matta: “Ma una cosa del genere, a Pratola, non si può fare?” E lei, più matta di me: “Certo. Tutto si può fare” e ci siamo ritrovate in una Pratola tutta rosa, pronta a sostenere la prevenzione e festeggiare la vita”. Pink Pratola fa esattamente questo: sostiene progetti di prevenzione primaria e secondaria a favore di tutte le donne di qualsiasi età, con un occhio di particolare riguardo alle donne chiamate a combattere la battaglia più importante: quella per la loro vita. L’associazione a tale scopo organizza numerose giornate di sensibilizzazione al tema, con grandi risultati seppur in tempi brevissimi. La prima edizione della manifestazione Pink Pratola del 2018 ha permesso di acquistare e donare a ben 88 donne venezuelane la cura quinquennale di tamoxifene, farmaco tradizionalmente utilizzato nella cura dei tumori del seno ormonosensibili e mancante in Venezuela, al pari di tanti altri farmaci salvavita. La seconda edizione del 2019 ha assicurato un altro risultato, ancor più ambizioso: l’acquisto della Dignicap, ovvero quel macchinario che, utilizzato durante l’infusione della chemioterapia, permette di non perdere i capelli. Dietro questi grandi traguardi ci sono le numerose donne che fanno parte dell’associazione, senza le quali sarebbe difficile o, addirittura, impossibile operare. Tra le altre attività della Onlus figurano : giornate, trascorse nella propria sede, per ascoltare le persone che ne fanno richiesta, oppure per vendere i gadgets dell’associazione, alcuni dei quali realizzati artigianalmente, grazie ad un progetto di riciclo della plastica rosa; Il progetto scolastico PalpAmiAmoci per insegnare che un piccolo gesto mensile come l’autopalpazione può davvero salvare la vita in alcuni casi; le bomboniere solidali per tutte le tipologie di eventi. “Oggi siamo orgogliosamente una Onlus – ricorda Rachele D’Andrea – e non smettiamo di credere in un sogno: la guarigione definitiva dalla malattia dei tumori al seno. La strada da percorrere è ancora lunga ma siamo certe che, tutte insieme, arriveremo a raggiungere risultati sempre più mirabili”. Pink Pratola cresce di anno in anno, soprattutto grazie alle numerose persone che rinnovano ogni giorno la fiducia nei confronti del progetto.

Galleria Fotografica

Tutte le Edizioni